img_0832.jpg

Sant’Agnello – Dibattito sul web tra ecologisti e sostenitori dell’Housing sociale. “Disagi all’ambiente a causa dei lavori”. “Sì ma la casa è un diritto di tutti”

Ancora una volta al centro di un acceso dibattito sul web è finito il progetto housing sociale del Comune di Sant’Agnello, ovvero l’iniziativa che prevede la realizzazione di oltre 50 appartamenti in costruzione presso Via Monsignor Bonaventura Gargiulo e già assegnate a famiglie povere, anziani soli, diversamente abili e giovani coppie secondo i requisiti fissati dall’amministrazione comunale del sindaco Piergiorgio Sagristani.

Un’iniziativa lodevole che, purtroppo, in passato è stata oggetto di aspre critiche a causa dei criteri fissati per l’assegnazione.

A far discutere adesso sono i lavori di realizzazione: secondo una serie di segnalazioni che ci sono giunte in redazione, infatti, alcuni residenti nelle zone limitrofe al cantiere si starebbero lamentando dei disagi provocati “dal costante frastuono assordante e dalle polveri“.

Dopo l’annientamento di alberi in buone condizioni fino alla primavera scorsa – si legge ancora su Facebooki lavori stanno procedendo molto velocemente“.

Per dovere di cronaca, c’è da registrare la replica di diversi utenti che evidenziano come, per costruire dal nulla degli appartamenti, sia “normale ed anche logico produrre un po’ di rumore e di polvere“.

La casa è un diritto di tutti – uno dei tanti interventi sul web a favore dell’iniziativa del Comune di Sant’Agnello – soprattutto quando parliamo di persone in difficoltà“.

Insomma, una vicenda che ci fa capire quanto sia davvero difficile accontentare davvero tutti!

Tags: